Da pane raffermo a polpette: così le fanno a Matera

Matera già sembra un presepe di suo, ma la magia che sprigiona a ridosso del Natale è davvero indescrivibile. Per non parlare dell’atmosfera effervescente che si respira alla vigilia del 2019, anno in cui la città lucana ricoprirà per 12 mesi il ruolo di Capitale europea della cultura.

Approfittando della ‘gita’, e inerpicandoci sua una delle tantissime scale in pietra che collegano i Sassi al centro cittadino, siamo andati a far visita al ristorante San Biagio che anni fa ha ospitato una cena ‘antispreco’, organizzata nell’ambito del progetto ‘Ricicla in Murgia’.

La speranza era quella di ottenere una qualche gustosa ricetta da realizzare con gli avanzi.

Non abbiamo fatto fatica. Con la consueta cortesia che caratterizza gli abitanti della città, lo chef Vito Antonio Specchia, titolare del ristorante insieme a suo fratello Nicola Specchia, e il suo collaboratore Pino Decandia ce ne hanno fornite ben due.

Oggi, vi proponiamo le tradizionali ‘Polpette di pane di Matera con il sugo di pomodoro’, tipica ricetta della città dei Sassi, che permette di sfruttare gli avanzi del pane e che si può proporre come antipasto, primo o secondo piatto.

La seconda ricetta, ve la daremo invece in una prossima puntata.

NB: Le polpette richiederebbero l’utilizzo del famoso pane di Matera, noi abbiamo replicato la ricetta utilizzando un pane di grano duro di qualità e il risultato è stato comunque più che soddisfacente.

 

Ingredienti

Per le polpette:

– Mollica di pane di grano duro

– Aglio

– Prezzemolo

– 1 uovo

– sale q.b.

– olio evo q.b.

– pecorino

– latte

– se piace, alla ricetta originale si può aggiungere della noce moscata

Sulla quantità degli ingredienti regolatevi in base alla quantità di mollica a disposizione

Per il sugo:

– 1 scatola di pelati

– aglio

– olio extravergine di oliva

– qualche foglia di basilico

– sale q.b.

Procedimento della ricetta originale:

Togliere la mollica dalla crosta del pane (possibilmente raffermo) e metterla a bagno nel latte. Strizzatela e mettetela in una ciotola. Sminuzzate il tutto grossolanamente, aggiungete l’uovo, l’aglio tritato, il prezzemolo, il pecorino, il sale e impastate il tutto con le mani.

Formate delle polpette e adagiatele su carta da forno, quindi friggetele in olio evo (devono diventare color marrone) e scolatele su carta assorbente.

Preparate il sugo di pomodoro e versateci le polpette. Far cuocere per circa 30 minuti e servite in un piatto capiente aggiungendoci del formaggio. Noi abbiamo usato del pecorino di qualità, ma se potete procurarvi del Canestrato di Moliterno, meglio ancora.

Suggerimento dello chef: la crosta rimasta del pane può essere tostata in forno per creare dei piccoli crostini.

Commenta

Non ci sono commenti su questo post. Commenta per primo.

Lascia un commento