La frutta estiva avanzata diventa un dessert squisito

L’estate è la stagione della frutta colorata. E’ buona e fa bene. La frutta consumata prima dei pasti, tanto per dirne una, ha anche una funzione disintossicante. Molto zuccherina, è consigliabile non consumarne la sera. Meglio la mattina, appunto, e nell’arco della giornata sino all’ora della “merenda”.

Soprattutto chi ama particolarmente la frutta finisce per acquistarne in grande quantità. Spesso per questo rischia di farla maturarla troppo e di avere poi l’esigenza di utilizzarla in fretta per non doverla buttare via.

Anche chi ha un giardino o un orto con qualche albero da frutto, può ritrovarsi con un bel po’ di prugne, pesche, albicocche… magari non sempre del miglior aspetto, da “far fuori”.

Ecco quindi una ricetta da preparare con frutta estiva di diverso tipo – pesche, albicocche, nespole, lamponi, fichi – avanzata o ammaccata, cui si possono aggiungere anche mele o banane (quest’ultima non più di una perché è molto dolce). Intere o anche parti avanzate da altri utilizzi.

Ingredienti

  • 1 kg di frutta estiva mista
  • 300 ml di acqua
  • 100 grammi di amaretti (secchi)

Strumenti

  • Bilancia
  • Tagliere e coltello
  • Pentola di dimensioni medio grandi con coperchio
  • Cucchiaio di legno
  • Minipimer o frullatore

Pesare i frutti, che nel complesso devono essere un Kg. Lavarli bene quindi tagliarli a pezzi non grandi senza che siano stati sbucciati. Versare il tutto nella pentola e aggiungere 300 ml di acqua. Far cuocere con fuoco basso. In venti o trenta minuti la frutta sarà pronta. Aggiungere gli amaretti, mescolare e lasciar intiepidire. 

Come si procedeQuando il composto non è più bollente si può procedere con il minipimer sino a  si è trasformato in una crema. Travasare in un contenitore idoneo – può essere anche una brocca – e lasciar raffreddare in frigo.

La crema può essere consumata da sola decorata con una foglia di menta, oppure essere arricchita con pinoli e/o altra frutta secca tritata.

Ottima anche abbinata al gelato alla vaniglia, servita in piccole ciotole o arbanelle.   

Commenta

Non ci sono commenti su questo post. Commenta per primo.

Lascia un commento